Marlene Kuntz

Standard

Sono loro la colonna sonora di questo momento, in un pomeriggio nuvoloso senza impegni e con in testa solo te. Non so cosa sia successo. Tutto troppo intensamente, tutto vivo e emotivamente violento. Come la chitarra distorta dei Marlene Kuntz. Un suono tremendo che rompe il silenzio ma che si lascia ascoltare piacevolmente. E’ stato tutto strano, un brillio fugace nei tuoi occhi una sera e poi qualche battuta idiota in chat, un gioco stupido a cui non giocavi da tempo ed eccoci ad organizzare una serata assieme. La musica, in macchina, la tua musica, la mia musica, la stessa. E’ la musica al centro di noi. Tutto è nato così, è nato dalla radio che trasmette quelle note così familiari e così piene di significati e stupidaggini demenziali quando arrivano Elio e le storie tese. E così parliamo, mi prendi la mano, mi fa strano, nessuno era così delicato e gentile da tempo. I tuoi ricci nel buio, illuminati dalla luce blu dello stereo. Quindi decido di baciarti, è la cosa più naturale del mondo ora. La musica cambia, diventa un merengue, c’è tanta gente intorno che balla e noi stretti a cercare di improvvisarci ballerini. Il tuo sorriso illumina la serata. La musica finisce e c’è solo il rumore del  mare e le tue parole. Parole intense, piene di significati che dovrebbero essere ponderate in ogni attimo prima di essere pronunciate. Poi la radio si riaccende e siamo io e te di nuovo in macchina a parlare di Pink Floyd e del significato delle loro canzoni. C’è una playlist che creiamo, c’è un volersi scoprire e conoscere, c’è Hollow Years e c’è From The Beginning. C’è un’emozione forte, ci sono mani, sguardi, schiaffi e battiti accelerati. E alla fine c’è Cara ti amo, che ci fa sorridere anche quando sei ubriaco e sbagli le parole: “Usciresti con me domani sera?” “E’ il compleanno di tua madre!”. E in questo uggioso pomeriggio ci sono i Marlene Kuntz che mi parlano di te, di ciò che sento.

Arrivi e porti desideri e capogiri
in versi appassionati e indirizzati a me;
e porgi in dono la tua essenza misteriosa,
che fu un brillio fugace qualche notte fa;
e fanno presto a farsi vivi i miei sospiri
che alle pareti vanno a dire “ti vorrei qua”.
Ora ho il tuo splendido sorriso da succhiare:
sfavilla di felicità.
L’osservo su dalla tua fronte vanitosa
che ai miei baci ha chiesto la priorità.
E ho le tue mani da lasciarmi accarezzare il cuore
immune da difese che non servono.

Nuotando nell’aria

Pelle: è la tua proprio quella che mi manca
in certi momenti e in questo, momento
è la tua pelle ciò che sento, nuotando nell’aria.
Odori dell’amore nella mente dolente,tremante,ardente,
il cuore domanda cos’è che manca
perché si sente male,molto male,
amando,amando amandoti ancora.
Nel letto aspetto ogni giorno un pezzo di te
un grammo di gioia del tuo sorriso
e non mi basta nuotare nell’aria per immaginarti:
se tu sapessi che pena.
Intanto l’aria intorno è più nebbia che altro
l’aria è più nebbia che altro.
E’ certo un brivido averti qui con me
in volo libero sugli anni andati ormai
e non è facile dovresti credermi
sentirti qui con me perché tu non ci sei
mi piacerebbe sai sentirti piangere
anche una lacrima per pochi attimi
mi piacerebbe sai sentirti piangere
anche una lacrima per pochi attimi.

Annunci

Informazioni su Vix

“Il pensiero dell’altrove, magia, avventura, libertà, utopia e rock and roll”. Conservo lo spirito degli anni ’90 restando “A sei km di curve dalla vita”. Sono agnostica, di sinistra e pacifista salvo complicazioni: bramo il conflitto che genera confronto e crescita personale. Amo la libertà e l’arte in tutte le sue sfaccettature: la musica, il cinema, il teatro, la scrittura, la fotografia e la lettura. Ho pubblicato un libro: Il passato è un campo di addestramento. Storia di Lei. Se dovessi rinascere? USA, Anni ’60: pace, amore, psichedelia. Sputare sentenze non fa per me, evito ipocrisie ed inutili piagnistei. Per il resto, andate in pace.

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...