Se ci sei

Standard

Anche quest’anno è arrivato il Natale, i doni, gli addobbi, il presepe e il traffico. Non è di questo che voglio parlare. Voglio parlare con te che da un anno e mezzo non ci sei più.
Vorrei dirti un milione di cose. Mi piacerebbe farti conoscere Piero, è un po’ come te. Credo che passeremmo delle belle serate assieme. E’ Natale, c’è tanto movimento in giro. Oggi ho incontrato Luana, aveva un carrozzino e non mi ha vista, spero che anche lei sia felice in questo momento. Mi fa rabbia che tu non stia festeggiando con noi. Ti avrei invitato a cena da me, quest’anno che sono rimasta a casa, ci saremmo fatti insieme il Lambrusco che abbiamo stappato stasera e lo spumante che avresti portato e saremmo andati in giro dopo cena a fare gli scemi. Quest’estate ho pensato molto a te, a tutto ciò che significa non andare a prenderci il famoso caffè né leggere i tuoi messaggi sgrammaticati. Ho pensato a Vasco Rossi e al tuo Ehy tu, Delusa. Ho pensato a quel famoso ristorante a Bari dove saremmo dovuti andare a farci quella mostruosa mangiata insieme, io, tu e Pietro. Più di tutto ho pensato ai tuoi silenzi. A quei momenti in cui senza dire niente, con uno sguardo, riuscivi a trasmettermi tutto ciò che avresti voluto dire, ma che per timidezza o pigrizia non volevi esprimere. Non sono venuta al cimitero e non credo di venirci, perché non credo in queste cose, credo nel potere delle parole scritte e anche se questo non servirà a comunicare con te, sarà per me un sollievo aver buttato fuori un po’ di pensieri sparsi che mi affollavano la mente ogni volta che qualcuno pronuncia il tuo nome. Ora ascolto questa canzone che parla proprio di te e forse, se l’avessi ascoltata, ti sarebbe anche piaciuta.

Io non so più dove sei
certe volte guardo su ma
non so dove trovarti
eri qui un attimo e poi via
con salto unico sei andato via per sempre
se ci sei come un angelo sarai e vivrai finché io ti ricorderò
se ci sei non potrò scordarti mai forse tu lo sai
io non te l’ho detto mai
quanto eri importante ma tu non me ne hai dato il tempo
ora no non ho parole
che possono spiegare che tu mi manchi senza fine
se ci sei come un angelo sarai e vivrai finchè io ti ricorderò
se ci sei non potrò scordarti mai forse tu lo sai
è così difficile credere che sia
naturale vivere morire
tu fammi solo credere che io ti rivedrò su un pianeta o in una vita nuova
se ci sei come un angelo sarai e vivrai finchè io ti ricorderò
se ci sei io non potrò scordarti mai forse tu lo sai
sei ci sei come un angelo sarai e vivrai finchè io ti ricorderò
se ci sei giuro non ti scorderò ora tu lo sai

Buon Natale.

Annunci

Informazioni su Vix

“Il pensiero dell’altrove, magia, avventura, libertà, utopia e rock and roll”. Conservo lo spirito degli anni ’90 restando “A sei km di curve dalla vita”. Sono agnostica, di sinistra e pacifista salvo complicazioni: bramo il conflitto che genera confronto e crescita personale. Amo la libertà e l’arte in tutte le sue sfaccettature: la musica, il cinema, il teatro, la scrittura, la fotografia e la lettura. Ho pubblicato un libro: Il passato è un campo di addestramento. Storia di Lei. Se dovessi rinascere? USA, Anni ’60: pace, amore, psichedelia. Sputare sentenze non fa per me, evito ipocrisie ed inutili piagnistei. Per il resto, andate in pace.

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...